Domenico Pavan - pittore contemporaneo

Domenico Pavan vende quadri online

Domenico Pavan

22 1.722 52,4 / 100
Biografia
Curriculum

BIOGRAFIA  DOMENICO PAVAN
 
Nato a: Rivoli 16/05/1960
Vive a: Rivoli – Torino via Ischia,2
Età: 57 - Cell. 3917051361 - mail dompava@tiscali.it

Domenico Pavan nasce a Rivoli (to) il 16/05/1960, è pittore autodidatta, comincia la sua passione sui banchi di scuola, per poi proseguire con gli insegnamenti di vari maestri della pittura, quali l'amico Paolo De Cao, noto pittore rivolese, approfondisce le varie tecniche grazie al Professor Mazzetti noto critico d'arte della città di Livorno, dove Pavan detiene un posto con una sua opera nel museo dell'accademia degli Etruschi.
Ma il salto di qualità Pavan lo ottiene quando conosce il Professor Esposito Francesco critico di Rivoli, recentemente scomparso, Esposito crede in lui vedendone di gran lunga un potenziale artista, gli propone diverse collettive, alcune mostre, nell'intento di farlo conoscere al pubblico. Partecipa dal 1985 al 2000 a tutte le mostre collettive in italia, ha fatto due mostre personali nelle sua città (Rivoli).una ad Arezzo,due a Livorno
In Toscana ed alcune a Livorno,e  iscritto sia all'accademia di Parigi che all'accademia di Livorno.
 Vincendo un concorso in Toscana ho avuto la possibilità di tenere esposto vitanaturaldurante una sua opera nel museo di Vada (LI)

Quando l'artista è pronto, si comincia con le personali, LIVORNO, PISA, TORINO, AREZZO, ma la soddisfazione maggiore avviene quando Pavan viene invitato dalla città di Parigi per il xxx° concorso internazionale della città di Parigi, qui il nostro artista si piazza  al 3° posto su 500 pittori da tutto il mondo, portandosi a casa una medaglia di bronzo e un diploma dalla citta’
oggi Pavan vive e lavora a Rivoli (to)

Continua a leggere »

COLLETTIVE:  1985 Comune di Biella   con il patrocigno del critico d’arte Prof. F. Esposito
           1985 comune di Rivoli   con il patrocino del critico d’arte Prof. F. Esposito
            1987 comune di Pisa     con il patrocino del critico d’arte Prof. F. Esposito
PERSONALI:    1987 Accademia degli etruschi “Livorno” con il patrocigno del critico d’arte Prof. G.Mazzetti
            1988 Accademia degli etruschi “Livorno” con il patrocigno del critico d’arte Prof. G.Mazzetti
            1999 Comune di Arezzo “ salone dei ricevimenti” critico d’arte Prof. F. Esposito
            2000 Comune di Rivoli “casa del conte verde”e “ Sala consigliare comune”
                        con il patrocigno del critico d’arte Prof. F.Esposito
CONCORSI:     1999 Accademia degli etruschi di Livorno 3° classificato
            1999 Roma “Fondazione Giuseppina Maggi” 2° classificato
            1999 Caserma Vannucci Livorno 1° classificato ( coppa e diploma)
            1999 xxx° concorso internazionale della citta’ di Parigi 3° classificato su 500 pittori dal mondo
                       ( diploma e medaglia di  Bronzo ) iscrizione per diritto all’accademia delle belle arti di Parigi

Scrivono di lui: il Prof. Mazzetti Giovanni critico d’arte nella citta’ di Livorno
Il pittore Domenico Pavan,( meglio conosciuto dagli amici Mimmo) classe 1960, Rivolese nella provincia Torinese, e oggi vivo e operante nel territorio RIVOLESE dove gia’ trent'anni fa, nel 1977, quando la sua vena giovanile (disegnava e colorava già sui banchi di scuola) si è rivelata incontenibile e bisognosa di uno sbocco creativo. Da allora, vivere e dipingere sono stati per lui la stessa necessità. le opere che propone sono  ricche di ricordi, di incontri, di nostalgie,ma sono anche occasione per farci riscoprire la sua "vita con la pittura" che l'autore Piemontese ha mantenuto e arricchito in costante dialogo con la tradizione culturale di questa regione generosa di bellezze ambientali e di un grande patrimonio d'arte. Dagli anni Settanta, ogni giorno Domenico( per tutti Mimmo) lavora al cavalletto, ed è come se scrivesse con i pennelli e i colori della vita e della fantasia gli amatissimi paesaggi entro i quali ha trascorso ogni fase della propria vita. Si tratta di luoghi veri, reali, che sono da sempre lo scenario fisico e emotivo in cui è concentrata, empaticamente, tutta la sua esistenza; luoghi che, per lui - volendo dirla con James Hillman - "hanno memoria", o meglio ancora, "hanno un'anima". Lo studio che Pavn  predilige, il laboratorio più congeniale al suo lavoro di pittore è il paesaggio stesso: il plein air lo mette in rapporto / sintonia direttamente con il suo "motivo" che peregrinando incontra dall'alba al tramonto, come dire di luce in luce.
Scrivono di lui: il Prof. Esposito Francesco noto critico d’arte  di Torino
La cosa migliore da fare, se si vuole capire quest'uomo e la sua  pittura, è fermarsi davanti ai suoi lavori per ritrovarvi anzitutto le motivazioni - o l'ispirazione, , come si sarebbe detto qualche tempo fa. Ebbene, questo uomo dipinge sempre ciò che ha vissuto: o addirittura quello che vorrebbe vivere, in altre parole, egli rivive nella pittura l'ambiente dell'infanzia che non ha mai dimenticato: orizzonte ondulato di montagne e colli, borgate che un poeta ha definito in questo modo: "Un pugno di semplici case, / e intorno i campi / addolciti dalla rugiada", e poi torrenti, mucche al pascolo, scorci pittoreschi, cieli squillanti di azzurro o nascosti da nuvole luminose che sotto l'impeto del sole si aprono in voluttuosi abissi di un rosa carnale. 
Guardando le sue opere pare che il cielo si spacchi per dare spazio al nuovo giorno, i personaggi sembrano prendere vita nella sua  pittura, come  in tante poesie che sono autentici paesaggi di nostalgia, o di memoria "come un granaio pieno.  Pieno di cosa? Di storie, naturalmente, fra cui la sua.
La natura è come l'infanzia e poiché ogni luogo parla da sé, Domenico sa ascoltare e sa vedere (non solo guardare). Allora tutto è paesaggio, da cielo alla terra, tutto è vivo e ha senso. La pittura diventa il racconto di quell'infanzia e dello stupore di un ragazzo che l'uomo non ha mai dimenticato o perduto. In fondo, il segreto di questo artista - se di segreto si può parlare - è tutto qui, in un sentimento profondo di appartenenza alla Natura di cui sa vivere le stagioni e i "miracoli", come l'acqua che scorre, la neve che si indora al tramonto, le nuvole trafitte di una luce d'azzurro, i cespugli dalle foglie tremanti
. La pittura, per concludere, in questo devoto alla Natura è come testimonianza dei luoghi, e dunque anche documento a futura memoria. Buona fortuna maestro ha tutta la mia ammirazione.

                                    Rivoli 10 gennaio 1999

Continua a leggere »

I quadri in vendita del pittore contemporaneo Domenico Pavan

Tutti (22) Quadri Venduti (2) Collezione privata (1) Quadri disponibili (7)

Guarda tutti i quadri per tema

Sfoglia gli altri quadri dell'artista

Altri Quadri > Ultima Pagina >>

NOVITÀ - Breve Super Report

gondole
43
gabbiani
51
cavalli
42
l'aquila
21
Autunno
168

Sfoglia gli altri quadri dell'artista

Altri Quadri > Ultima Pagina >>
La forza di PitturiAmo al tuo servizio.