Fabrizio Lucente - Maestro contemporaneo

Fabrizio Lucente vende quadri online

Fabrizio Lucente

30 2.491 54,2 / 100
Biografia
Curriculum

Ricercatore  free-lance in campo Linguistico/Semiotico con approccio interdisciplinare, iniziai a dipingere per dar corpo concreto alla creazione linguistica esito dei miei  studi : EverLang , la prima Lingua Articolata integralmente costruita modellizzando Relazioni tra Enti Reali-Naturali.

Creata dunque una Lingua i cui Elementi formativi consistono non più in astratti simboli di valore convenzionale e arbitrario (fonemi-grafemi ''lettere'' ecc), ma invece in Entità Naturali (Specie Animali e Vegetali, Organi /parti del corpo umano e non solo), era inevitabile che la  ''versione scritta'' della medesima consistesse in un atto di Figurazione ; di qui, scorsi immediatamente l'opportunità di investirla dell'intero spettro di Modulazioni morfo-cromatiche e di Stili che la Figurazione  può offrire.

Per la prima volta in assoluto, con EverLang diventa  possibile ''dipingere'' una frase, un Aforisma...  o dipingere una Poesia ; ciò beninteso, non nella corrente accezione metaforica , come banale realizzazione di un dipinto le cui scene vagamente si ispirino al senso generale o a singoli passaggi di un poema. NO : ora si tratta di poter tradurre, letteralmente, un testo dall'italiano o da qualsivoglia altra lingua, nel ''Naturalese'' universale e figurativo di EverLang.

Più ancora, lo stesso ''testo figurato'' potrebbe essere  personalizzato dal Committente, parti del cui volto-sembiante potrebbero specificamente apparire nell'opera, ''integrate'' beninteso nella composizione linguistica a generare, insieme con gli altri elementi, il Significato richiesto.

Diventa insomma possibile farsi realizzare una sorta di ''Ritratto - Parola'', o creare una ''parola personalizzata''.


-Disponibile quindi come vera e propria Lingua,  EverLang è  inoltre  adottabile da parte di qualsiasi artista/figuratore,  compatibile com'è con qualunque tecnica e stile : esattamente come una stessa frase o testo, anche poetico, conservando il proprio Significato, può esser scritto o profferito o declamato con calligrafie e voci e intonazioni differenti e ''personali''.

Unico limite restando il livello intellettivo, purtroppo assai modesto, proprio della maggior parte degli ''artisti'',  rimane comunque  aperta la possibilità di evolvere  EverLang non solo in un movimento ''artistico'', ma in un Movimento Culturale vero e proprio , dotato di profondità e spessore autentici ; altro, rispetto alla risonanza modaiola degli storici ''movimenti'' artistici,  ove la mera adozione di una medesima divisa  formale, più o meno stiracchiata oltretutto, costituiva l'unico, superficialissimo trait d'union.

EverLang possiede al contrario una struttura Meta-stilistica : in grado di unire, e saldamente, nonostante le più profonde differenze sul piano formale (che sono qui anzi ben accette).

Quale primo esempio in assoluto di Lingua Articolata integralmente esprimibile per mezzo di immagini , EverLang è modulabile,  in forza di ciò, lungo l'intero spettro espressivo delle Arti Figurative.

Ma anzitutto,  grazie alla sua articolata struttura concettuale profonda, EverLang  consente di creare Opere che è finalmente possibile definire  '' Cultura '' e ''Creazione Intellettuale'' ; ora senza ipocrisie né lise e barocche acrobazie retoriche.

Quanto correntemente inteso come ''arte''  è infatti per lo più  opera più o meno banalmente decorativa, nel migliore dei casi ;  ed è  francamente a sproposito che si applica l'etichetta di ''Cultura'' a prodotti i quali,  ancorché  ''celebri e quotati'', restano comunque lavori di mera esecuzione manuale ; lavori che, anche quando complessi e tecnicamente mirabili, non  comportano comunque intervento significativo da parte dei Centri Corticali Superiori.

Anche un alveare vanta precisione  e complessità non meno mirabili, ma non per questo è ''Opera di Cultura''.

Posti di fronte a una  tela di ragno (che oltretutto, a differenza di qualunque quadro possiede sempre una giustificazione funzionale e ha davvero un Retaggio di milioni di anni di Storia  Evolutiva dietro di sé ),  tutti potremmo esclamare ''Io non sarei capace di farla..!'', proprio come di fronte a un pretenzioso e specioso - quanto inutile - trompe-l'oeil.


- Ma non per questo si passa  a considerare un  Ragno quale ''artefice di Cultura''.

(tuttavia, mentre il Ragno con la sua Biologia, se non Soggetto è senz'altro eccellente e degnissimo Oggetto di Cultura,  il giocolieresco 'illusionista del pennello/' non è neppure questo - è solo un transeunte e fungibile fenomeno da baraccone, atto a incantare folle di minus habentes). 

EverLang  si  propone di  ricolmare davvero di Contenuti Culturali autentici la c.d. ''arte'', che sempre più appare quale vuoto involucro di vana Formalità.  La  ricerca quasi spasmodica di sensazionalismi sempre più clamorosi e di mero impatto visivo - gigantismi, iperrealismi ecc - di cui l'attuale panorama trabocca, testimonia inequivocabilmente il punto di crisi raggiunto - proprio come accade nell'Evoluzione dei Viventi, dove il  noto fenomeno del ''gigantismo'' tanto spesso precede e preannuncia l'Estinzione della Specie in cui si manifesta. 

L'ipertrofia formale compensa -o meglio, tenta di compensare- la fatale Assenza di Contenuti.

Anziché  impiegare ore, mesi e anni ad apprendere e perfezionare tecniche esecutive di palese anacronismo (la  fotografia esiste da quasi due secoli e le stampanti 3D saranno prestissimo d'uso corrente),  come fanno  ''artisti'' dal basso profilo intellettivo e del mero, spiccato sì ma inutilissimo  talento manuale ,   l'Operatore Culturale EverLang si dedica allo Studio -questo sì davvero complesso, legato com'è all'Oggettività della Scienza-  di Forme , Enti ed Eventi del Mondo Vivente, e  all'arte di intesserli a creare Significati, legando assieme Vita, Scienza e Verbo.

Un cimento che vede sì  ancora il ruolo dell'Estetica, ma ora dispiegato su piani di Realtà che non si limitano davvero alla superficiale e inerte patina dell'apparenza.

Un Cimento oltretutto ''comunicabile'' attraverso la fruizione delle Opere ; opere il cui fine non è quello lasciare ''a bocca aperta'' il profano, ma quello, forse più incospicuo ma autentico, di stimolarne ove possibile  la Mente ; anche attraverso l'Estetica,  ma un'Estetica ora finalmente ''significante''.

Non la quintilianea funzione del ''movere'', da giocoliere d'avanspettacolo, ma quella del ''docere''; che resta poi sempre compatibile con quella, altrettanto essenziale, del ''delectare''.

La differenza tra il realizzare un'Opera in EverLang  - ''bella o brutta'' che sia-,  e una qualunque  ''opera  d'arte - tecnica'' , è la stessa differenza che corre tra lo scrivere un Poema eccelso, magari con ''brutta'' scrittura, o essere invece un calligrafo abilissimo ma intellettivamente incapace, da  pignolo e vuoto cultore della Forma, di scrivere  alcunché se non sotto dettatura.

-Un dipinto realizzato in EverLang ( ma  vale per foto, collage, opere plastiche ecc) non è dunque ''solo'' un dipinto; è  anzitutto un  Testo ,  ''parola''  o  frase ;  un'espressione dotata di significato nel senso strettamente  linguistico del termine.

Un  rapido chiarimento a questo punto sembra opportuno.

-Sebbene sia prassi consueta  parlare di ''linguaggio'' a proposito delle arti figurative, notiamo che l'unico  ''linguaggio'' a esse  accessibile è il Linguaggio Analogico :  espressivo ma indefinito, ''emozionale'' ma  inarticolato e, comunque, ben  distinto dal  Linguaggio Verbale vero e proprio.

Il Linguaggio Analogico è, per es., quello che ci permette -pur  ignorandone la lingua - di capire se un Cinese è arrabbiato, o contento o preoccupato ecc ; anche se  non sapremo mai ''perché'', ''come'', ''con chi'' è arrabbiato ecc ecc... 

( se per es. lo stesso individuo  imprecasse con voce suadente o calma, non potremmo neppure mai capire che sta imprecando...)

-Possiamo quasi sempre comprendere l'umore, dal tono della voce come pure  dai gesti ecc; ma non possiamo comprendere ''che cosa'' si stia dicendo, a motivare quello specifico stato umorale.

Ecco,  è qui che giace il Confine Analogico-Verbale.

Entrambi possono  integrarsi, è vero, ma ciò accade solo nella ''lingua parlata'' ; ed è proprio su questo che si basa l'Ars poetica, la recitazione in generale, ma anche la ''espressività'' della comunicazione verbale dal vivo.

In questo caso infatti la tonalità della voce, ma anche la mimica, la postura ecc ecc vanno ad accompagnare, quale  tratto sovrasegmentale,  il contenuto informazionale vero e proprio ; modulandolo, colorandolo emozionalmente e donandogli, in definitiva, un afflato vitale.

Tale modulazione, nota  come Prosodia, può addirittura  modificare il senso - base di un enunciato :  possiamo pronunciare la parola ''bravo'' in tono entusiasta, più o meno convinto, ma anche ironico,  intendendo in quest'ultimo caso comunicare l'esatto contrario del significato testuale del termine.


-Nulla di ciò è possibile nella  pittura, perché essa si esprime per mezzo di un unico canale comunicativo : quello appunto, del Linguaggio Analogico,  escludendo dunque a priori questo fondamentale ''gioco interattivo'' che richiederebbe la presenza di entrambi.

-Prospettando un caso analogo a quello della parola ''bravo'' profferita però con tono ironico - antifrastico,  dovremmo, per esempio,  poter realizzare un quadro che  ''significhi''  l'idea/concetto di Tenebra, MA dipingendolo con colori  particolarmente chiari e tinte tutte luminose.

Questo è evidentemente impossibile :  è solo impiegando tutti colori scuri o molto cupi , che un  pittore potrebbe  ''dare l'idea'' di  Tenebre, Oscurità ecc ecc

(  e ciò non varrebbe neppure a significare ''Tenebra'' in modo univoco, n.b.,    ma  solo a suggerire,  ''analogicamente'' appunto, l'idea di Tenebra, Buio ecc ecc).

Del tutto inconcepibile quindi l'ipotesi di realizzare un "dipinto ironico'' :  un dipinto che,  sebbene luminoso nei toni e nei colori,  possa ancora ''significare'' Tenebra  - e significarlo univocamente,  come vera e propria ''parola'' inseribile all'occorrenza in una frase di senso compiuto ; con la  ''luminosità'' che agisca ora soltanto  da fattore modulante.

Questo, semplicemente perché non  esistono, fino a oggi,  sistemi  linguistici veri e proprii che siano integralmente  e coerentemente riconducibili a  combinazioni di immagini reali.

(Nulla del genere, notiamolo, si realizza per es. nei ''titoli ironici'' di Magritte,  'Ceci n'est pas une pipe'  ecc...  infatti  il ''controsenso'' ( tale poi solo in apparenza) è in quel caso costruito proprio sul contrasto tra l'immagine e la didascalia 'linguistica' che la accompagna, entrambe restando però distinte e autonome;  non si tratta insomma di un contrasto interno , integrato in un enunciato Unitario).

EverLang realizza proprio questa integrazione di  Forma e Senso ; per la prima volta, nell'ambito delle arti figurative.

L'aspetto stilistico , che definisco Proseidolìa, svolge ora  un ruolo analogo a quello della Prosodia  nella  recitazione di un  testo; e ogni  testo in EverLang è modulabile all'infinito, su molteplici coordinate,  dischiudendo con ciò un intero universo di riflessioni e ricerche stilistico-semiotiche, tanto per gli Autori quanto per i fruitori.

Nulla quindi va sacrificato o perduto in EverLang, neppure per chi volesse limitarsi a un semplice apprezzamento estetico/decorativo, in quanto Colori e Immagini restano comunque il Tessuto materiale di ogni Opera.

Con la fondamentale differenza che il Fruitore 2.0 sarà ora in grado di coglierne l'Estetica a un Livello più profondo e più autentico : quello relativo alla ricerca / scelta / accostamento dei Soggetti di volta in volta impiegati per ''significare'' questo o quel Concetto Linguistico, e l' Armonia (o la più o meno intenzionale ''disarmonia") tra la resa formale / stilistica dei medesimi e il Significato che sono chiamati a comporre.

Un' Estetica 2.0,  insomma ; per chi riesce ad accedervi.

Una Estetica capace di percepire qualcosa di affine alla kantiana Pulchritudo adhaerens, ossia una  Bellezza ''motivata'' dalla Realtà, dalla funzione, dalla Storia evolutiva profonda ; come quella in fondo propria di ogni Organismo Vivente, che è ''bello'' non solo perché  vistoso/colorato/appariscente (la c.d. Pulchritudo Vaga - anche un profano può cogliere la ''bellezza'' di una conchiglia o d'una policroma farfalla esotica), ma perché ogni singolo aspetto della sua Forma, ogni singola sua micro- o macro-Struttura  possiede anzitutto un Senso,  una Storia radicata nei più imperscrutabili Abissi del Tempo e che solo lo Studioso - Zoologo, Biologo Evoluzionista ecc -  è in grado di cogliere,  grazie a una Conoscenza e Visione d'Insieme  di cui il superficiale profano è invece sprovvisto.


Complesso sarebbe qui esporre la genesi  di  EverLang :  basti qui dire che il suo  vocabolario  e la sua  sintassi discendono direttamente dalla modellizzazione di oggettivi eventi/rapporti naturali, in ambito biologico.

Questi modelli hanno la struttura e la natura di Proposizioni scientifiche,  in genere ''ripetibili e verificabili'' nel pieno senso galileiano dei termini.

Comportamenti sociali delle più diverse specie animali, modificazioni somatiche , fisiologiche e interazioni d'ogni  tipo tra Specie Viventi sono via via individuate, modellizzate e trasformate in ''parole'' ; le cui ''lettere'' sono però ora Entità Reali,  nella forma delle Specie Animali, Vegetali, o delle singole Parti Anatomiche di volta in volta chiamate in causa per definire questo o quell'altro concetto.

EverLang è così  anche la prima  Lingua Articolata libera  dalla c.d.  Arbitrarietà del Segno.

Rappresentando quest'ultimo aspetto uno degli ''Universali del Linguaggio'', di grande interesse  epistemologico sarà lo studio delle implicazioni di una così drastica divergenza dal modello delle lingue umane,  ''naturali'' o  artificiali che siano.

EverLang  potrà esser  letta e compresa  senza  bisogno di dizionarii di sorta : esattamente come la Lingua  Caratteristica Universale, invano vagheggiata dal filosofo G.W.Leibniz.

La sua comprensione (non assistita da didascalie ecc, n.b.) richiede  in compenso una  vasta conoscenza in ambito di Scienze  Naturali  - Etologia, Zoologia,  Botanica, Fisiologia, Psicologia evolutiva ecc ecc; riportando con ciò in prima posizione il Sapere Naturalistico :  l'unico vero Sapere Oggettivo, che per Gregory Bateson  rappresentava la necessaria  e imprescindibile base di ogni altro Sapere.

L'elevato livello di abilità Logico-deduttive necessario a leggere / interpretare (da soli ) un testo-dipinto EverLang,  al di là delle nozioni scientifiche in sé stesse,  fa di EverLang anche un prezioso ausilio pedagogico ; un inedito strumento didattico/culturale per esercitare ed evolvere le doti suddette, coniugando l'imprescindibile aspetto ludico della manualità realizzativa, con l'Osservazione e lo Studio (anch'esso in fondo ampiamente ludico) della Natura, e con la costante necessità della Riflessione e della Logica a legare assieme tutti i dati raccolti. Per poi affrontare, come un gioco -ma un gioco davvero intelligente e creativo- la sfida del combinare oggetti e loro immagini a dar vita, come prodotto Artistico Concreto, a  una sorta di Parola/Oggetto realmente provvista di Significato.

Non si tratta insomma  solo di immagini,  figure e figurette realizzate con questo o quello stile, che possano più  o meno garbare  o, peggio, banalmente épater les bourgeois  come tanti vacui ''giocolieri'' del pennello o dello scalpello oggi fanno ;  si tratta invece  di qualcosa di radicalmente nuovo,  anche se ,  ben ne sono consapevole, accessibile alla Comprensione di pochi.

La distanza  evoluzionistica-intellettiva tra un'Opera in EverLang e qualunque altro prodotto ''artistico'', non importa quanto elaborato, tecnicamente complesso o ''piacevole'' questo possa essere, è la stessa distanza che separa le vocalizzazioni naturali -magari assai complesse e piacevoli - come il canto degli uccelli, dalla Parola umana  :  ''significante'', e tuttavia non per questo assolutamente refrattaria a modulazioni musicali delle più armoniose.

La comparsa  di EverLang nel panorama dell' arte  è  in fondo come la comparsa della Parola  nell'Evoluzione  della Vita;  suoni e vocalizzazioni caotiche, mere lallazioni forse eleganti e armoniose ma fini a sé stesse  possono immediatamente trovare, in un'Organizzazione  Sintattica, il Dono fino ad allora impensabile di veicolare Sapere, Pensieri ed Emozioni : dai Dialoghi di Platone alla  Commedia di Dante.

Un gap evoluzionistico difficile da colmare.

Con tutti i caveat e le riserve che per primo nutro nei confronti di questo discutibilissimo parametro, osservo comunque che il  "QI " necessario e sufficiente a  ''fare arte'', anche a livelli giudicati ''eccelsi'', è di appena  50-60  (livello di Homo erectus più recente )  ;  il  ''sommo'' scultore Alonzo Clemons si attesta  su un QI di  appena 40.

...Cultura?

Per concepire  EverLang è invece probabilmente necessario un "QI" almeno altrettanto ''deviante'', ma nell'opposta direzione; così come anche  per  poterla comprendere, in tutte le sue implicazioni e sfumature.

E' forse opportuno ricordare  il QI (stimato)  attribuito a Lebniz , sito nel  range 180 -205 ;  senza tuttavia che il grande Studioso,  pur perseguendo per lunghi anni un simile  Progetto Linguistico, riuscisse  mai ad avviarlo.

-Ma chiunque può in ogni caso comprenderne singoli aspetti e tutti,  sottolineo tutti, possono -anche nel peggiore dei casi- limitarsi ad apprezzare l'esito formale esteriore di ciascuna opera ,  consapevoli  magari del suo racchiudere ''qualcosa'' di più profondo, al di là delle immagini dipinte.

-

La Base  Linguistica di EverLang è offerta, sorta di codice open-source disponibile a  tutti coloro che vogliano, dipingendo, far 'parlare' davvero le loro opere ; liberi e personali  rimarrebbero stili e tecniche.

Purtroppo, come già osservavo,  i c.d. ''artisti'' sanno operare -più  o meno bene-  soltanto con le mani, ben di rado con l'Intelligenza ; per la maggior parte , non comprendendo  le premesse di base di EverLang e, ancor prima di  questo, neppure la sua Raison d'etre, persisterebbero imperterriti nella loro limitata e paraocchiuta opera di  manovalanza. 

Più che sufficiente tuttavia sarebbe l'adesione di appena qualche decina-centinaio di Artisti Intelligenti -statisticamente ne stimo l'esistenza con certezza-, per  dar vita a un Movimento di autentico e duraturo impatto Culturale.

Forse appena migliori sono le prospettive per quanto riguarda il Pubblico, dagli ''esperti'' ai ''profani'' : pur consapevole che la maggioranza di essi è capace solo di superficialissime impressioni oculari, neurologicamente assai simili a un '' riflesso rotuleo'',  stimo tuttavia una consistenza numerica totale di fruitori intelligenti più che sufficiente a sostenere la Crescita di un Movimento del genere.

EverLang dunque  infonde  forse per la prima volta Sapere, Intelligenza, Consapevolezza, Riflessione, Logica, Scienza e - in definitiva - CULTURA ,  nelle Opere  realizzate.

 -Roba "fatta solo  con le mani'' appartiene invece per definizione a uno stadio antropologico arcaico, primitivo; pre-logico e quindi per definizione non-culturale

Potrà esser al più definita ''decorazione''; restando con ciò sempre e  comunque un gradino al di sotto di Minerali o  Conchiglie o Piante, che di certo non son meno ''decorativi'', anzi!  MA sono almeno ''naturali'', e  -nel caso delle Piante- anche Viventi.

Intessendo insieme Enti tratti dalla Natura Vivente a formare una Lingua Articolata, EverLang infonde invece Vita e autentica Complessità nella dimensione  morta delle arti figurative, così come in quella dinamica, ma comunque sterile e astratta, del Linguaggio.

Lascio quindi aperta questa possibilità , per quanti vorranno aderire a EverLang, di evolvere in un vero e proprio Movimento ; non solo ''artistico'' , ma  Culturale in senso finalmente completo.



Continua a leggere »

Nessun ufficiale ''curriculum'' - né potrebbe essere altrimenti.

Auto-maieuta.

Interessi  e studi nella prima infanzia in campo  Zoologico, Logico, Biologico e Biochimico, con sperimentazioni :  non coltivati in modo  sistematico. Cimenti narrativi a soggetto zoologico , intorno ai 6-8 anni.

Dai 12 anni,  creazione di lingue ''artificiali'' (rivelatesi poi di natura agglutinante, q.v.)

Dai 13 anni,  inizio di studio autodidatta di lingue extraeuropee (Arabo,  poi Persiano, Hindi - intuizione e ricostruzione di radici Indoeuropee dallo studio delle ultime due).

Giapponese, Coreano, Thai, Lingue Bantu e Maleo-polinesiache dai 18 anni in poi.

Dai 15 anni, studio automaieutico (= partendo unicamente da riflessioni e ri-scoperte individuale) di Circuiti e Reti Logiche, con creazione di reti ''fuzzy'', Reti Neurali e, in particolare,  ''riscoperta'' delle Reti di apprendimento hebbiano ; Reti semi-organiche e prima ideazione di ''bio-transistor'',  ecc.

-Dai  16 anni, sviluppo /riscoperta  automaieutica di proprietà e funzioni del Calcolo Infinitesimale  e combinatorio;  studio sugli Spazi a  N dimensioni, cimento sperimentale teorico - pratico in campo elettronico.

Pausa dovuta a condizioni depressive invalidanti.

> 22 anni, studii  semio-antropologico-evoluzionistici ;  primi tentativi di una  Lingua Naturale ad Articolazione Singola (su base diversa da  EverLang  e presto abbandonata). 

-23 anni, Prima versione di EverLang, ancora  impura di elementi convenzionali accessori; primi cimenti pittorici in EverLang.

(Rallentamento  / stasi  generale prolungata e profonda,  per gravi cause  depressive).

( colture botaniche esotiche _ studii  morfologico-evolutivi ed ecologici su  molteplici specie esotiche, tutte coltivate da seme e studiate nell'arco dell'intero ciclo di sviluppo)

35 anni  -  lenta ripresa del Progetto EverLang e versione  definitiva  di  EverLang, ora depurata di ogni elemento utroneo non-naturalistico.

-EverLang è tuttora in corso di sviluppo, da un punto di vista meramente lessicale (che richiederebbe contributi molteplici, da parte di esperti dei settori interessati, Etologi, Zoologi, Fisiologi ecc ecc)-

Ma la sua  struttura di base è definita.

Continua a leggere »

I quadri in vendita del maestro contemporaneo Fabrizio Lucente

Tutti (30) Quadri Venduti (3) Quadri disponibili (27)
Esploriamo - Promuovi la tua arte con il 70% di sconto