Biografia

Pratico la pittura da non molti anni. Nel guardare i quadri di chiunque provo forti emozioni; quelle suscitate da alcune opere di Picasso e Kandinskj sono le più

forti e, mio malgrado, non riesco a condividerle con nessuno, tanto penetrano i punti più profondi della mia anima.

La pittura asservita al potere mi ha spinto inizialmente, per reazione, a dipingere solo i “derelitti”, “i senza nome” della terra. 

Dopo una lunga pausa, consapevole della necessità di imparare il più possibile la tecnica, mi sono riavvicinato al cavalletto.

Oggi dipingo prevalentemente spazi aperti.  

Cielo, mare e spiaggia sono diventati i miei soggetti pittorici che ospitano spesso un oggetto semplice, povero, uno scarto del consumo e del tempo. 

E’ il mio neofigurativo. 

Cambierà negli anni? 

Non lo so... 

Lo vedremo assieme.   


                                                                                                                                                                        Marcello Guzzo 

La forza di PitturiAmo al tuo servizio.