Mino Migliardi - pittore contemporaneo

Mino Migliardi vende quadri online

Mino Migliardi

15 4.612 50,2 / 100
Biografia
Curriculum

Giacomo Migliardi (in arte Mino Migliardi), nasce a Napoli il 20 Marzo 1956, da Giuseppe e Maria Di Maio. Fin da piccolo, manifesta un notevole interesse per il disegno, rivelando subito le sue innate doti artistiche in un suo primo “cowboy” disegnato sul retro di un biglietto da visita di suo padre, all’etá di quattro anni. Nel '69,  all'etá di tredici anni, viene iscritto ad un "concorso di disegno" per bambini (indetto dalla "Magazzini Standa") rifiutandosi peró poi di inviare la sua "opera" (un disegno sull'allunaggio) che invece preferisce tenere per sé.

Successivamente, dalle scuole elementari alle scuole medie, dimostra chiaramente la sua passione ed un'innata capacitá di disegnare tutto ció che lo circonda e ció che la sua creativitá gli suggerisce, ma palesemente predilige il “ritratto”, sfornando di nascosto caricature e ritratti dei suoi insegnanti anche durante le ore di lezione. Spinto dalla sua insegnante di Disegno, Anna Ferrigno, si iscrive poi all’Istituto Statale d’Arte di Torre del Greco, dove segue con grande passione le lezioni di Pittura, Scultura ed Oreficeria, ma continuando a prediligere il Disegno dal Vero, che raffina ed impara ad eseguire in varie tecniche grazie agli insegnamenti del suo Maestro Filippo Romito.

Prende parte ad una prima Mostra Collettiva indetta dall’ “Accademia Internazionale Minerva”, dove presenta due lavori, rispettivamente per la sezione di Disegno e di Pittura. Vince il terzo posto con la sua opera “Religiositá”, un disegno a penna biro nera. Viene definito sul Mattino di Napoli dal giornalista Della Penna, come un giovane prodigio per aver degnamente fronteggiato le Opere di altri artisti concorrenti giá affermati, come Bove ed altri. Ottiene un ottimo successo da parte della Giuria presieduta dal Prof. Andrea De Felice e viene successivamente invitato dal Segretario della giuria (Prof. Gianni Moscovicci) a molte altre Mostre d’Arte, che peró puntualmente diserta, rammaricato dalla delusione di non aver vinto il primo posto alla sua prima Mostra, primo posto che gli fu ufficiosamente assicurato come cosí deciso a parere unanime dalla giuria, che poi invece decise di destinare ad altri artisti piú "autorevoli" piuttosto che ad un giovanissimo artista in erba e totalmente sconosciuto.

Abbandona matite e pennelli per un lungo periodo, dedicandosi alla sua altra passione, quella per la Musica e comincia cosí a dedicare il suo tempo quasi esclusivamente al canto ed alla chitarra.Ma, la passione per il Disegno, continua a bruciargli dentro come una brace che non si riesce a spegnere...Riprende timidamente a disegnare ritratti, in ogni occasione...e poi, successivamente, travolto dall’emozione durante una sua visita al Museo di Capodimonte, afferra a volo il momento "liberatorio" e compra subito tutto quanto gli occorre per mettersi alla prova stavolta, con qualcosa di cui non ne aveva ancora assaporato a fondo le delizie nascoste...cioé, la pittura ad olio.

Produce freneticamente copie di quadri celebri approfondendo le tecniche in uso del ‘500, alternandosi peró contemporaneamente, nella ricerca sperimentale di nuove tecniche di disegno. Riesce a trovare un compromesso tra la Musica e la Pittura e non lascia piú prevalere l’una sull’altra, nella certezza che non v’é piú "giusta giuria premiante" che la piena autostima di sé stessi ed il plauso genuino di chi apertamente lo apprezza per quello che é.

 

Grazie

Mino Migliardi  



Continua a leggere »

I quadri in vendita del pittore contemporaneo Mino Migliardi

Tutti (15) Quadri Venduti (8) Quadri disponibili (7)