Sergio Graziosi - pittore contemporaneo

Sergio Graziosi vende quadri online

Sergio Graziosi

10 9.985 55,6 / 100
Biografia
Curriculum
SERGIO GRAZIOSI (MACERATA 1931 - MILANO 2000)

PRINCIPALI ESPOSIZIONI:
Bologna, Busto Arsizio (VA), Chiesa Valmalenco (SO), Cremona, Como, Ginevra, Gropello Cairoli (PV), Ferrara, Firenze, Istambul, Lodi, Madrid, Macerata, Mantova, MIlano, Monaco di Baviera, Montecosaro (MC), Parigi, Seycelles, Seul, Stoccolma e Vancouver. Sue opere sono in musei e collezioni in Austria, Italia, Inghilterra, Messico, Polonia, Spagna, Sud Africa, Svizzera, U.S.A. e in Vaticano.
HANNO SCRITTO DI LUI AUTOREVOLI CRITICI E SCRITTORI: G. Binni, G. Bolaffi, G. Breddo, L. Budigna, D. Buzzati "...che Graziosi, forse senza che lui lo voglia, o se ne accorga, quando dipinge un uomo o una donna, non esegue sempicemente un ritratto, nel senso tradizionale del termine, ma esprime e racconta a tutto il mondo intorno... 1963", M. De Micheli, R. De Grada, L. Del Gobbo "...La ricerca figurativa di Graziosi ha sempre avuto una forte caratterizazione autobiografica, nel senso che ogni immagine prodotta, anche se leggibile e definità in sè, ha trovato rimando in vicende personali sia pur trasfigurato da un filtraggio subcoscienziale... 2005, Ernst, Kaisserlian, M. Lepore, M. Mercuri, M. Monteverdi, U. Peschi "...Ho avuto con Sergio Graziosi contatti sin dal 1949 e subito mi hanno colpito i suoi quadri, che in quel periodo denunciavano problemi circostanziati al tempo e alle condizioni sociali della nostra Italia, per la maggior parte figurativi, dove era chiaro il tremendo dramma della guerra che ci aveva sconvolto. Non posso dimenticare quei visi gelidi pieni di paura e di coraggio nello stesso tempo, statici e terrei, dipinti con colori solidi che poco concedevano a virtuosismi o debolezze..." 1991, M. Portalupi, Rellat, L. Quarantini "...rappresenta nei suoi quadri, le sensazioni dell'anima e la libertà di spirito fantasioso che fanno di un artista un essere al disopra di ogni retorica. Trasformando così la cruda realtà che oggi, quotidianamente, i media ci propongono a qualsiasi ora del giorno e della notte, quasi ad ammonirci dicendoci che non c'è più posto per i sogni. Così Graziosi li crea nei suoi quadri per se e per chi, ancora, vuole continuare a sognare..." 1998, S. Quasimodo "...L'avvicinamento delle tradizioni, delle culture nazionali può dunque essere in Graziosi l'espressione di una ricerca della vita che si opponga all'uomo moderno della distruzione, un tentativo di ritrovarsi in una armonia crudele con l'universo..." 1960, A. Sassu "...poesie dei sentimenti o storie antiche? No, sentimento della poesia, storia della pittura, non stretta ai confini di un racconto, ma momento di un arco di lavoro di anni che ci promette, per il tempo a venire, molto di più, con la forza e l'amore per la pittura che ha sempre sorretto Graziosi nel suo accanito ricercare..." 1982, M. Scrignòli "...Sono case di luce e di sole, di mete individuali, le tante tessere che compongono il mosaico del percorso artistico e poetico di Sergio Graziosi, instancabile viaggiatore dei sensi. E, forse, il punto d'incontro del suo dire - anzi, della sua necessità di dire - è proprio nella sovrapposizione degli strumenti usati e privilegiati per comunicare: pittura e poesia si confondono nel segno, identificandosi nel dialogo da lui cercato e voluto. "Poesia che nasce sulla poesia" dice giustamente Gastone Breddo e questa genesi racchiude in sè gli amori irrequieti e energici che troviamo nelle figure intriganti e nelle urla ammutolite dei quadri di un Graziosi che è poeta sempre, anche nel momento in cui decide di eseguire se stesso..." 1992 C. Segale, E. Treccani, R. Ausiglio, M. Valsecchi, etc.
Ha
pubblicato varie raccolte di poesie: Poesi (1961) - Formula del Tormento (Seledizione 1982) - Persona (Book Editore 1991) - a.D. MCMXCII (Book Editore 1992) - Penombre e addii (Book Editore 1994) - Il Sermone degli Spazi Siderali (Book Editore 1998). Sono state pubblicate piccole e grandi monografie: "Omaggio a Dino Buzzati" (litotipografia Malinverno, Como 1986), "Marionette, che Passione!" (Pastelli, Book Editore 1993) e altre tra cui un'edizione in 3 volumi (Edizione Bugatti - Ancona) e Seledizione "L'Elite" (Varese a partire dal 1992 fino al 2009, quasi, ininterrottamente).









 


Continua a leggere »
Sergio Graziosi (Macerata 1931 - Milano 2000)
E' stato pittore, scultore e poeta. Operò a lungo a Milano, dove era in corso, a cura dell'assistente e amico Luciano Quarantini, ora a Montecosaro, quasi ultimata la catalogazione delle sue opere.
Espose
in italia e all'estero, in moltissime personali e, su invito, in prestigiose, rassegne, ultima nel 1999 la Biennale d'Arte Sacra a Jesi (AN) sul tema "L'Apocalisse" tema a lui molto caro. Nel 1997 fu chiamato a realizzare il manifesto ufficiale per il 47° Festival della Canzone Italiana di Sanremo. Sue opere sono in musei, collezioni pubbliche e private italiane e straniere. Nel suo ultimo decennio aveva stabilito un'importante collaborazione artistica con il Comune di Montecosaro (MC) che nel 1999 gli ha conferito un importante riconoscimento "La CIttadinanza Onoraria". Graziosi aveva un'idea fissa: "creare a Montecosaro in Museo o una Pinacoteca d'Arte Contemporanea", idea che si è trasformata, purtroppo lui deceduto, in realtà con la presentazione ufficiale, della Pinacoteca "Graziosi-Peschi", nell'ottobre 2003, madrina la signora Milva, sua grande amica, star mondiale dello spettacolo, racchiudendo le opere, sia, della sua produzione artistica, creando all'interno della Pinacoteca stessa una sala antologica a lui dedicata, sia opere di Artisti colleghi e amici non solo marchigiani. La pinacoteca è visitabile tutti i giorni previo appuntamento  e informazioni presso la segreteria del Comune. 
Continua a leggere »

I quadri in vendita del pittore contemporaneo Sergio Graziosi

Tutti (10) Collezione privata (3) Quadri disponibili (7)

Guarda tutti i quadri per tema

NOVITÀ - Breve Super Report

ALESSANDRO
918
ARMENIA '88
905
AMORI
738
AMORI
689
PASSEGGIATRICE
1.050